Rai.it

Giovedì 24 Luglio 2014

 HOMECANONE TV ORDINARIO


Per chi non ha rinnovato il Canone tv entro il 31 gennaio



I contribuenti che non hanno rinnovato il Canone Tv entro il 31 gennaio possono pagarlo anche successivamente utilizzando i bollettini di conto corrente allegati agli avvisi che verranno inviati durante l'anno o con le altre modalita' di pagamento previste.

Pagare il piu' presto possibile conviene, perche' piu' ampio sara' il ritardo, piu' elevate saranno le maggiorazioni per sanzioni ed interessi .

Inoltre, mettersi in regola con il pagamento consente di evitare gli eventuali accertamenti da parte degli organi di controllo, cui puo' conseguire una sanzione nel massimo pari a 619 euro.


Stampa articolo



Perche' il canone


La RAI ricorda che il canone non è dovuto per i computer privi di sintonizzatore. In caso di dubbi, nel doveroso rispetto dell’utenza e della normativa in materia, possono essere contattati gli sportelli al pubblico, il call center 199.123.000 e il nuovo indirizzo di posta elettronica dedicato canonispeciali@rai.it


La Rai e' la concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, per questo e' tenuta a trattare argomenti e fornire informazioni di approfondimento, attualita' a carattere istituzionale e sviluppa anche l'informazione regionale con 21 redazioni sul territorio:

TG Rai

La Rai in quanto servizio pubblico adegua la propria programmazione a precisi standard indicati nel Contratto di Servizio stipulato con il Ministero delle Comunicazioni con temi sociali e di pubblica utilita' come:

Rai Parlamento

Rai Storia

Rai Scuola

trasmissioni scientifiche ed ambientali come:

Lineablu

Superquark

In questa prospettiva si colloca l'esistenza di una forma di finanziamento del servizio pubblico radiotelevisivo mediante il ricorso ad un'imposta - il Canone - a carico di tutti i soggetti che detengono un televisore. Tale forma di finanziamento e’ fondamentale affinché la Rai possa continuare nel suo operato sopra descritto e perche’ possa disporre di un budget con il quale poter competere con altre emittenti nelle gare per aggiudicarsi i diritti per la diffusione di specifici eventi quali quelli sportivi.

Il fabbisogno finanziario della Rai e' coperto solo in parte con i proventi della pubblicita' (art. 15 legge 103/1975). La Rai e' tenuta infatti a rispettare limiti di affollamento pubblicitario molto piu' rigorosi rispetto a quelli gravanti sull'emittenza privata (art. 8 legge 223/90; art. 10 D.P.R. 28.3.1994 tetto spazi pubblicitari).

La storia della Rai e’ da sempre congiunta con la storia della tv, dal bianco e nero, passando al colore, il percorso dal passato al futuro procede spedito fino all’avvento del digitale terrestre.

Il passaggio alla tecnologia digitale terrestre e' stato deciso dall'Unione Europea e anche l'Italia ha dovuto spegnere il segnale analogico già dal 2012.

www.DGTvi.it

Questa nuova Tv ha immagini di migliore qualita' e molti piu' canali.

La Rai, oltre a Rai 1, Rai 2 e Rai 3, con un nuovo Televideo, aumentera' la propria offerta con Rai 4, Rai 5, Rai News, Rai Sport 1, Rai Sport 2, Rai Movie, Rai Premium, e, per i bambini, Rai Gulp e Rai YoYo.

La Rai ha inserito tutte le notizie su Televideo alla pagina numero 459 e sulle pagine regionali, dedica adeguati spazi di informazione nei TG e nei GR regionali, ma anche nelle trasmissioni televisive e radiofoniche, oltre ad informazioni sul Canone Tv nella pagina 380 e seguenti.



Stampa articolo

MAPPAAIUTO

© RAI 2010 - P.Iva 06382641006