Rai.it
 HOMECANONE TV ORDINARIO
Importo canone di abbonamento alla televisione anno 2018



Per l'anno 2018 l'importo del canone di abbonamento alla televisione per uso privato resta invariato e ammonta a euro 90 (art.1, comma 40, della legge 11 dicembre 2016, n.232, come modificato dall’art.1, comma 1147, della legge 27 dicembre 2017, n.205).



COMUNICATO STAMPA
Canone tv 2018, c’è tempo fino al 31 gennaio per presentare la dichiarazione di non detenzione



I cittadini che non sono in possesso di un apparecchio televisivo possono comunicarlo all’Agenzia delle Entrate fino al 31 gennaio 2018, utilizzando il modello di dichiarazione sostitutiva di non detenzione, disponibile online.
Tuttavia, dal momento che la prima rata del canone tv per l’anno 2018 scatta già a partire dal prossimo mese di gennaio, per evitare il primo addebito - e quindi di dover poi richiedere il rimborso - è preferibile presentare la dichiarazione sostitutiva in via telematica entro la fine di dicembre (o entro il 20 dicembre se viene presentata per posta in forma cartacea).

La dichiarazione di non detenzione - La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto, dal 2016, la presunzione di detenzione dell’apparecchio tv nel caso in cui esista un’utenza elettrica nel luogo in cui una persona ha la propria residenza anagrafica e ha previsto che, per i titolari di una utenza elettrica di tipo residenziale, il pagamento del canone tv per uso privato avvenga mediante addebito sulla bolletta elettrica, in 10 rate mensili, da gennaio a ottobre di ogni anno.
Per superare questa presunzione ed evitare quindi l’addebito in fattura, i cittadini che non possiedono l’apparecchio televisivo devono presentare una dichiarazione sostitutiva all’Agenzia delle Entrate, con cui dichiarano che in nessuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di un’utenza elettrica è detenuto un apparecchio tv (da parte del dichiarante stesso o di altro componente della famiglia anagrafica).
Il modello può essere utilizzato anche da un erede per dichiarare che nell’abitazione in cui l’utenza elettrica è ancora temporaneamente intestata a un soggetto deceduto, non è presente alcun apparecchio tv.

Come presentare la domanda - Il modello di dichiarazione sostitutiva è disponibile sui siti internet dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.gov.it e della Rai www.canone.rai.it. I contribuenti possono inviarlo direttamente, tramite un’applicazione web disponibile sul sito internet delle Entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel rilasciate dall’Agenzia. In alternativa, i cittadini possono avvalersi degli intermediari abilitati (Caf e professionisti) per la presentazione telematica della dichiarazione sostitutiva.
Nei casi in cui non sia possibile l’invio telematico, è prevista la presentazione del modello, insieme a un valido documento di riconoscimento, tramite servizio postale, in plico raccomandato senza busta all’indirizzo: Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino.
La dichiarazione sostitutiva può essere presentata anche tramite posta elettronica certificata, firmata digitalmente, all’indirizzo cp22.sat@postacertificata.rai.it.
La dichiarazione di non detenzione ha validità annuale: va presentata ogni anno se ne ricorrono i presupposti.

E’ preferibile anticipare la presentazione - La dichiarazione sostitutiva può essere presentata fino al 31 gennaio 2018 per avere effetto per il canone dovuto per tutto il 2018: tuttavia, poiché l’addebito della prima rata di canone tv partirà già dal mese di gennaio 2018, è consigliabile presentare la dichiarazione di non detenzione entro il mese di dicembre (entro fine mese per la presentazione telematica, entro il 20 dicembre per la presentazione tramite posta) per essere sicuri di evitare eventuali addebiti in bolletta e di dover presentare, successivamente, un’istanza di rimborso.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare la specifica sezione dedicata al canone tv sui siti internet dell’Agenzia delle Entrate e della Rai.

Roma, 16 dicembre 2017



COMUNICATO STAMPA: ATTENZIONE ALLE FALSE EMAIL


Attenzione alle false email in nome del Fisco
I link contengono dei virus informatici

Nuovi tentativi di truffa ai danni dei contribuenti.
L’Agenzia delle Entrate sta ricevendo in questi giorni diverse segnalazioni relative a delle email spedite ai cittadini in cui viene chiesto di attivare procedure di rimborso o di regolarizzare la propria posizione fiscale. Si tratta di email di phishing contenenti un link che, qualora cliccato, avvia il download di un virus che potrebbe danneggiare il computer dei destinatari.

Le Entrate invitano coloro che ricevono queste email a cancellarle immediatamente.

Le segnalazioni dei contribuenti - In una delle email si invita il destinatario a scaricare un modulo per richiedere un rimborso parziale del canone TV. Nell’altra tipologia di email si chiede ai contribuenti di regolarizzare la propria posizione scaricando un apposito modulo e versando una determinata somma.

Le email si concludono con l’indicazione di alcuni numeri telefonici, relativi agli uffici delle Entrate. Tutte le informazioni contenute nelle email in questione sono false: l’Agenzia consiglia di cestinarle senza aprirle.

Roma, 28 agosto 2017



COMUNICATO STAMPA DEL 28/12/2016


Canone tv, attenzione ai siti contraffatti che chiedono dati e soldi
La dichiarazione di non detenzione si invia online solo tramite i servizi delle Entrate ed è gratuita



Solo il sito dell’Agenzia delle Entrate, www.agenziaentrate.gov.it, consente la trasmissione telematica delle dichiarazioni di non detenzione del canone tv (Dnd) e delle richieste di rimborso. L’invio è gratuito: nessun tipo di pagamento è infatti dovuto dai contribuenti.

Ai cittadini si raccomanda quindi di non inserire informazioni personali e soprattutto di non fornire i dati della propria carta di credito su siti diversi da quello istituzionale dell’Agenzia: il rischio è quello di vedersi addebitato un primo importo e nei giorni successivi somme più consistenti, finché il titolare della carta non procede al blocco.

L’Agenzia invita i cittadini eventualmente interessati a denunciare l’accaduto, rivolgendosi quanto prima a qualsiasi ufficio delle Entrate e alle Forze di polizia.

Roma, 28 dicembre 2016



Nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017



Il termine per la sospensione dei versamenti tributari (precedentemente fissato al 30 novembre 2017) è stato prorogato al 31 dicembre 2017.

La sospensione si applica a:

• soggetti residenti nei Comuni indicati nell'allegato 1 al DL 17 ottobre 2016, n. 189: dal 24 agosto 2016 al 31 dicembre 2017;

• soggetti residenti nei Comuni indicati nell'allegato 2 al DL 17 ottobre 2016, n. 189: dal 26 ottobre 2016 al 31 dicembre 2017;

• soggetti residenti nei Comuni indicati nell'allegato 2 bis al DL 9 febbraio 2017, n. 8 dalla sua legge di conversione 7 aprile 2017, n. 45: dal 18 gennaio 2017 al 31 dicembre 2017.

Nei comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto la sospensione si applica limitatamente ai singoli soggetti danneggiati che dichiarino, nelle forme previste dal dpr 445/2000, l'inagibilità del fabbricato o casa di abitazione.

Le medesime disposizioni possono applicarsi altresì in riferimento a immobili distrutti o danneggiati ubicati in altri Comuni delle Regioni interessate, diversi da quelli indicati negli allegati 1, 2 e 2 bis, su richiesta degli interessati che dimostrino il nesso di causalità diretto tra i danni ivi verificatisi e gli eventi sismici del 24 agosto 2016, 26 ottobre 2016 e 18 gennaio 2017, comprovato da apposita perizia asseverata.

Nei casi in cui per effetto dell'evento sismico la famiglia anagrafica non detenga piu' alcun apparecchio televisivo il canone tv ad uso privato non e' dovuto per l'intero secondo semestre 2016 e per l'anno 2017 (per i residenti nei Comuni indicati nell'allegato 2 bis la disposizione si applica limitatamente all'anno 2017).

La ripresa della riscossione dei tributi non versati per effetto della sospensione è stata fissata al 16 febbraio (DL 24/04/2017 n. 50).



SOSPENSIONE ADEMPIMENTI E VERSAMENTI TRIBUTARI
(CASAMICCIOLA TERME - LACCO AMENO - FORIO - ISCHIA)
Canoni ordinari



Nei confronti delle persone fisiche, che alla data del 21 agosto 2017, avevano la residenza ovvero la sede operativa nel territorio dei Comuni dell'isola di Ischia, Casamicciola Terme, Lacco Ameno e Forio sono sospesi i termini dei versamenti e degli adempimenti tributari, scadenti nel periodo compreso tra il 21 agosto 2017 ed il 30 settembre 2018. Non si procede al rimborso di quanto gia' versato.
Le medesime disposizioni si applicano, altresi', nei confronti dei soggetti, diversi dalle persone fisiche, aventi la sede legale o la sede operativa nei territori dei suddetti comuni.
La sospensione e' subordinata alla richiesta del contribuente che contenga anche la dichiarazione di inagibilita', in tutto o in parte, dell'abitazione, dello studio professionale o della sede dell'impresa, ai sensi del Testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, con trasmissione della richiesta medesima agli uffici dell'Agenzia delle entrate territorialmente competente.
Gli adempimenti e i versamenti oggetto di sospensione devono essere effettuati in unica soluzione entro il 16 ottobre 2018.

(L. 4 dicembre 2017, n. 172)



Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dall’alluvione del 9 settembre 2017



Nei confronti delle persone fisiche, che alla data del 9 settembre 2017, avevano la residenza nel territorio dei comuni di Livorno, Rosignano Marittimo e di Collesalvetti (provincia di Livorno) sono sospesi i termini dei versamenti e degli adempimenti tributari, scadenti nel periodo compreso tra il 9 settembre 2017 ed il 30 settembre 2018. La sospensione e' subordinata alla richiesta del contribuente che dichiari l'inagibilita' della casa di abitazione nelle forme previste dal DPR 445/2000 (art. 2 DL 16 ottobre 2017, n. 148).
Gli adempimenti e i versamenti tributari oggetto di sospensione devono essere effettuati in un'unica soluzione entro il 16 ottobre 2018.

(L. 4 dicembre 2017, n. 172)



Richiesta di rimborso del Canone di abbonamento alla televisione per uso privato pagato mediante addebito nelle fatture per energia elettrica



Il modello di istanza di rimborso del canone di abbonamento alla televisione per uso privato, con le relative istruzioni, è presente al seguente indirizzo:

Istanza di rimborso



PRONTO LA RAI



E' possibile prenotare on line un appuntamento telefonico per essere ricontattati e ricevere assistenza sui rimborsi ed in generale per la risoluzione di problematiche inerenti il canone tv collegandosi al sito www.prontolarai.it .

Il nuovo servizio servizio “Pronto la Rai” consente agli abbonati di risolvere telefonicamente alcune delle casistiche riguardanti sia i canoni televisivi ad uso familiare che quelli fuori dall’ambito familiare, come ad esempio gli esercizi pubblici.





NUMERO VERDE 800.93.83.62 PER CANONE TV AD USO PRIVATO



Per informazioni gratuite sul canone TV ad uso privato potete chiamare il numero verde 800.93.83.62 Il servizio e' attivo dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 21

Per informazioni sul Canone di Abbonamento alla televisione è disponibile per tutti i paesi al di fuori dell'Italia la numerazione 0039 06-87408198 a pagamento alla tariffa applicata dal proprio operatore telefonico per le chiamate verso l'Italia.




DIGITALE TERRESTRE



Il passaggio alla tecnologia digitale terrestre e' stato deciso dalla Comunità Europea che obbligava quindi anche l'Italia a spegnere il segnale analogico entro il 2012.

Il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento Comunicazioni ha fissato i tempi del passaggio per le varie regioni italiane e la Rai ha completato il passaggio alla televisione digitale in tutte le regioni italiane.

La Rai, grazie al digitale terrestre, è in grado di trasmettere 14 canali di programmazione ampliando così l'offerta televisiva.

Per segnalare eventuali disservizi telefonare al numero 06 94809596.

Per verificare se il proprio problema dipende dalle interferenze create dai segnali LTE, con cui vengono trasmessi i nuovi servizi 4G per la telefonia mobile, contattare il servizio Help Interferenze

Per informazioni relative alla ricezione dei programmi della piattaforma di TV SAT collegarsi al seguente indirizzo: Tivu' Sat


Stampa articolo
MAPPAAIUTO

© RAI 2010 - P.Iva 06382641006